[Diario di Bordo] CMD Kaldaronxzy

Sezione dedicata ai diari di bordo e biografie dei vostri CMDR
Keldaronxzy
Sergente
Messaggi: 13
Iscritto il: sabato 2 dicembre 2017, 21:03
Piattaforma: PS4
"mi piace" dati: 10 volte
"mi piace" ricevuti: 3 volte

[Diario di Bordo] CMD Kaldaronxzy

Messaggioda Keldaronxzy » mercoledì 13 dicembre 2017, 14:21

Cacciare rottami non è facile, serve occhio. Soprattutto quando sei una donna.

Così sono andata avanti, cercando qualcosa di buono tra vecchi rottami e navicelle esplose nello spazio dimenticate anche da Dio.
Si sa, la vita non sempre ti sorride, tranne quando vedi una dropship in fiamme precipitare che non esplodere in mille pezzi.
Erano malconci, la scia di fiamme dietro di loro non lasciava scampo ad ogni possibile altra interpretazione. Era quasi uno spettacolo, sentivo già i crediti fatti dalla razzia di una nave così grossa, anche se avrei dovuto fare parecchi giri per portare via tutta la roba, un sidewinder non ha grosso cargo, ma mi sarei riempita persino la cabina, anche perchè al mercato nero pagavano sempre bene i pezzi delle dropship.

Commerciare è un arte, la mia unica via per sopravvivere in questo mondo.
Entrai nel mio "piccolo", un cazzotto ben assestato alla radio che dopo un primo gracchiare iniziò a trasmettere in maniera gracchiante e incomprensibile. Poco dopo sentii le parole "iron.....troop..." poi il silenzio. Avvicinai l'orecchio per vedere se questa volta avessi fatto fuori del tutto quell'aggeggio. Qualche secondo di silenzio, poi partì a tutto volume facendomi prendere quasi un collasso oltre che una testata per lo spavento. Mi ripresi subito, adirata, ma la musica era fantastica, chitarre elettriche, un buon giro di batteria, la perfetta colonna sonora per una razzia.

-LANDING DISENGAGE-
Si sollevò una nube di polvere, con una partenza a razzo, la nave non era sugli scanner, neanche dopo i 2 cazzotti curativi riprese a funzionare. Pazienza.
La scia era ben visibile, non erano distanti.
"Dropship sto arrivando....la la la lai..."
Canticchiavo serenamente mentre ascoltavo quella canzone, "...se solo mi ricordassi qualcosa di più..." Quel pensiero mi sfrecciò nella testa, ma lo allontanai immediatamente, tanto non c'era nulla che potessi fare, quei ricordi oramai erano persi.

L'avvicinarsi di una nube polverosa rossa mi face trasalire. " Cazzo!" Tirai i motori tutto indietro, così violentemente e istintivamente che quasi il piccolo sidewinder si spezzò.

-DEPLOYING-
"Meglio prepararsi, non si sa mai, metti caso che non fossero tutti morti sti cazzoni."
La nube di polvere provocata dall'impatto piano piano si dissolveva, lentamente, riadagiandosi su tutto ciò che aveva investito. Incomincia a vedere qualcosa, il solco lasciato dalla dropship. Rimasi li in attesa finché non ebbi la vista completamente libera.
La dropship aveva fori da tutte le parti, crivellata come uno scolapasta.
Partì un altra canzone, questa volta riuscii a sentire le parole "Escape The Fate - This War Is Ours".
La canzone partì con violenza, con un assolo di chitarra, accompagnata da un duetto di voci una bassa e una più melodica.
"Per essere una donna ho gusti strani."
Tornai con lo sguardo sulla dropship.
Tutto taceva.
Nessun segno di vita.
"Fantastico! Andiamo!"
Mi portai sul fianco del relitto, controllai se vi era vita all'interno.
"Tutti fottutamente stecchiti li dentro!"
Mi diressi sul lato dove c'era il buco più grosso nello scafo e accesi i fari.
I buchi dei proiettili che aveva erano enormi, mai visto roba del genere, neanche sarei mai riuscita ad immaginarmi nulla di tutto ciò. Qualunque cosa l'avesse colpita doveva essere un bestione enorme. Ma erano troppi i segni perchè si fosse scontrata con una sola nave, dovevano essere 2 o forse 3 a sparagli.
"Chissà cosa contiene per essersi attirata addosso tanto piombo così, ma qualunque cosa sia sarà mia!"
Che la fortuna mi avesse per una volta sorriso? Vedremo.
Misi il casco e scesi.

-OXYGEN AT 40%-
"Che diavolo ha questo coso? l'ho ricaric...merda, no mi son dimenticata di farlo! Devo sbrigarmi dannazione!"
Entrai nella dropship, la luce mi dei fari mi illuminava la via.
Bossoli, bossoli, grossi bossoli, piccoli bossoli, medi bossoli.
Cadaveri, 2...3...4...qualcosa non quadrava, troppa gente.
"Questi erano schiavi." Tutti morti nessuno vivo.
Mi diressi alla plancia di comando, il pilota era ancora in posizione, lo spostai.
"Vediamo bel computerino, dimmi cosa c'era di bello quì."

Feci un reboot del sistema, disabilitando quasi tutto.
-ENCRYPTED DATA MISSION-
"Bingo!"
Ci volle un attimo per riuscire a trasferire quei dati alla mia navetta. Andavano consegnati ad Atorii. E li avrei consegnati io, di sicuro sarebbero stati molti molti crediti. Ero contenta, sentivo già il + sul conto dei miei soldi aumentare.
Mi misi a ballare, e mentre zompettavo tra i rottami lo sguardo mi cadde sul radar.
Un puntino verde.
"E questo quì viene a rompere?", osservai la direzione.
Era diretto verso la dropship. Dovevo andarmene, qualunque cosa fosse era contro di me, non di sicuro alleata.
Mi lanciai fuori, saltai subito a bordo del sidewinder.
"Coraggio bello parti!"
I dati erano li, trasferiti nel mio computer, a quel punto guardai il radar. Mi era con il fiato sul collo.

-LANDING DISENAGE-
Via, si va.
Presi leggermente quota, quando bastava per cappottarmi sotto sopra.
Virai, e aprii il gas. "Così dovrebbe andare bene..." appena la navicella prese velocità, ero sottosopra con il terreno sopra la mia testa.

Era li.
Ero morta.
Una gunship, con ogni arma spinata e rivolta verso di me, a una trentina di metri.
Fu solo una sonora boostata, e nulla di più. Gli passai sotto, nel poco spazio che rimaneva tra la navicella e il terreno.
Non potevo neanche pensare minimamente di affrontarlo, ma sicuramente potevo fuggire.
"Quel cos..." Non riuscii neanche a fare un pensiero che i laser e i proiettili mi devastarono mezza navetta.

Morirò quì e oggi.
Immagine
Immagine

Keldaronxzy
Sergente
Messaggi: 13
Iscritto il: sabato 2 dicembre 2017, 21:03
Piattaforma: PS4
"mi piace" dati: 10 volte
"mi piace" ricevuti: 3 volte

[Diario di Bordo] CMD Kaldaronxzy

Messaggioda Keldaronxzy » venerdì 12 gennaio 2018, 21:06

"Ma perchè proprio a me?"
Quel pensiero continuava a martellarmi. "Ci sarà un motivo sicuramente, ignoto ovviamente a me, ma ci sarà."
Avevo appena letto quel messaggio proveniente dal CMDR @Feudaltuna.
Mi toccava fare da mamma ad un nuovo novellino, ma la speranza era che avesse scelto di stare nelle retrovie in questa guerra.
Scossi la testa rassegnata, ma gli ordini erano ordini, e vanno eseguiti sempre, anche se non ci sono a volte dei validi motivi, ai piani alti calcolano, pensano, stendono alleanze, indagano, complottano....tutta quella roba non fa per me.
Scartoffie, cartacce, era già abbastanza noioso dover stendere il rapporto di guerra ogni dannatissima volta, ma era un piacere vantarsi con i ragazzi di quanti erano caduti sotto i nostri colpi.

Pareva strano trovarsi così a guardare quella plancia di comando con solo la luce che filtrava dall'esterno verso l'interno, rischiarandola appena.
Nella penombra la mia mano sfiorava leggermente i comandi, quasi come non volesse destare quel "gigante" dal suo sonno, ma era tempo di salpare.
*Ancora un istante*
La mano sfiorò qualcosa di insolito, qualcosa metallico.
"Umbra svegliati!"
In una frazione di secondo la nave prese vita, la strumentazione si animò di luci e indicatori.
-SYSTEM ONLINE-
" Ma che diavolo è sta cosa?"
Era una semplice targa rivettata dalla parte opposta alla piastra di servizio della DVC.
Era palese che era opera loro. Era ben curata, grezza ma ben curata, aveva il loro stile.
Era di metallo grezzo, e riportava incisa alcune semplici scritte.
- Da Vinci Corp. Wing il Nibbio - Fukushima cani pazzi - ma quella era solo una parte delle scritte che vi erano riportate, la parte veramente importante era sul lato di destra ben rifinita.
-1° reggimento incursione e assalto-
"Umbra?"
-SI COMANDANTE?-
"Questa targa quì chi l'ha fissata e quando?"
-AVVIO VIDEO REGISTRAZIONE PLANCIA DI COMANDO-
Mi avvicinai allo schermo, si vedevano chiaramente @Feudaltuna @Chester-fede @Light.extinguished che tranquillamente applicavano la targa sulla plancia di comando.
Mi comparve un sorriso sul volto.
Un inaspettata "promozione".
"Questa volta avrò più teste io ragazzi..."
Mi sedetti in posizione e osservai quella targhetta.
"Umbra setup da guerra è tempo di partire."
Immagine
Immagine


Torna a “Diari di bordo”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite